#proiettilidicarta: La ragazza dai capelli rossi di Lauren Stahl

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

È difficile liberarsi di certi ricordi, specialmente quando sono così dolorosi. Oggi parliamo di un thriller uscito l’anno scorso per Leone Editore con la traduzione di Giada Fattoretto: La donna dai capelli rossi di Lauren Stahl.

Data di uscita: 24 Ottobre

Acquistalo subito: La ragazza dai capelli rossi

Editore: Leone Editore
Collana: Mistéria
Traduzione: Giada Fattoretto
Genere: Thriller
Pagine: 336
Prezzo: € 14,90

Due efferati omicidi, le cui vittime sono entrambe donne, conducono l’avvocatessa Kate Magda a rivivere un incubo. Quando aveva cinque anni, infatti, aveva scoperto che Ron Wells, il patrigno di sua cugina Tess, abusava della bambina. Colto in flagrante e preda di una cieca follia, l’uomo aveva cercato di seppellirle vive entrambe. Il caso presenta numerose coincidenze con quell’episodio che Kate aveva vissuto da bambina. Entrambe le vittime hanno i capelli rossi, esattamente come lei e sua cugina, e vengono ritrovate in tombe improvvisate. Le indagini indirizzano Kate verso piste confuse e incerte che la obbligheranno ad affrontare il suo tremendo passato per scoprire il colpevole.

È difficile liberarsi di certi ricordi, specialmente quando sono così dolorosi. Kate Magda impara presto quanto sia crudele il mondo. É bastata un’immagine a spezzare la sua innocenza, il venire a conoscenza della vera identità del patrigno di sua cugina che, mimetizzato da agnello, abusava della figliastra, Tess. In quel momento la ragione viene divorata dalla follia e un uomo si trasforma in un predatore violento, pronto a compiere l’impensabile: seppellire i corpi delle due bambine affinché la verità non venga mai a galla.

Le bambine riescono a sopravvivere per miracolo, ma il ricordo della follia di Ron Wells è una ferita ancora aperta che Kate spera di richiudere. Al contrario di sua cugina lei non ha dimenticato quella sera. Nonostante siano passati anni e lei ormai sia diventata un avvocato, le immagini sono ancora vivide e di notte la tormentano. Chiudere gli occhi significa ritornare al suo inferno personale di terriccio che la chiama a gran voce.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Ogni caso sulla sua scrivania rappresenta la prova evidente che il male ha diversi volti e l’unico modo per contrastarli è far sì che la giustizia trionfi, ma quando vengono rivenuti i corpi di due ragazze identiche a lei e sua cugina, le sue certezze crollano, lasciandola in balia del dubbio e della paura, un’atroce sospetto si fa largo nella sua mente.

Il caso delle Rosse si abbatte su di lei come un martello sulla sua incudine, come se fossero stati creati unicamente per schiantarsi l’uno con l’altro, distruggendo tutto ciò che si frappone fra loro. La sua coscienza le indica che c’è qualcosa di strano, qualcosa di familiare, ma allo stesso tempo un nuovo e diverso enigma che sembra quasi fare luce su oscuri ricordi del passato. 

Una scia di capelli rossi, come i suoi e quelli di Tess, la riportano indietro nel tempo in un viaggio soffocante e a tratti doloroso, dove si deve scendere a compromessi con la propria memoria, scavare a fondo fino a non vedere più la luce del sole, dimenticando per sempre l’alba e immergendosi a capofitto nel sonno della ragione. 

Questo è un viaggio che Kate dovrà compiere con coraggio, ma lungo la strada troverà in Sam Hart, poliziotto a cui viene affidata l’indagine, un valido alleato, qualcuno che riesce a guardare oltre l’oscurità della sua memoria per dipanare il mistero che la avvolge. Soltanto un occhio esterno e allenato poteva trovare in questo mare di tenebre quel piccolo barlume capace di incendiare ogni cosa. Ed è proprio così che ogni cosa emerge, il vecchio si ricollega con il nuovo e le sensazioni del passato che per lungo tempo hanno tormentato Kate diventano chiare e intense, come se le vecchie ferite si riaprissero per indicare il colpevole. 

A Lauren Stahl si perdonano quelle piccole sbavature perchè è stata capace di tirare fuori dalla sua penna non soltanto un caso intrigante ma addirittura un viaggio emotivo così intenso da rendere Kate Magda un personaggio di cui mi piacerebbe continuare a leggere. Stiamo parlando di un debutto che mette a fuoco e in maniera cruda gli orrori di un passato che torna a chiedere il conto, un bieco esattore che non si fa scrupoli a infilare il dito nella piaga, a rigirare il coltello in quella ferita che fa male ancora dopo tanto tempo aggiungendo altro orrore al dolore già provato. 

«Era stato nell’oscurità — quando il confine tra la vita e la morte non era più così netto e i secondi erano sembrati ore e si era resa conto che la vita come la conosceva non sarebbe stata lo stessa — che lo aveva sentito cantare per lei».

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Leone Editore per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Un libro per due: Le ribelli di Chandler Baker (Longanesi) Successivo Chi cerca trova – Day #77: Verso una nuova rotta