Tea Time: Ritorno nel Midwest di Tom Drury

 

Oggi è la giornata perfetta per degustare insieme un ottimo Earl Grey, una miscela intensa ed aromatica che dona la giusta carica per ingranare la giornata, proprio come la notizia del ritorno in libreria di Tom Drury. Settembre è il mese che mette fine alla pausa estiva, la calura inizia ad essere meno mordente, il sole inizia a calare prima per lasciare spazio alla notte, la vita piano piano riprende il solito ritmo intenso e frenetico, anche le novità letterarie ritornano ad essere sfornate!
NNEditore è pronta per deliziarci con un nuovo romanzo che ha tutto l’aspetto di essere una succuelenta prelibatezza, un piatto raffinato da gustare con calma per scoprire tutti i suoi sapori, è quasi tempo di tornare nel Midwest con Il movimento delle foglie.

Dopo la Trilogia di Grouse County, Tom Drury è pronto per accoglierci nuovamente nel suo Midwest, un luogo che sembra trovarsi fuori dal tempo e dallo spazio, trasuda magia ed incanto pur essendo fortemente reale, un luogo immaginario aspro e selvaggio in cui potremmo tranquillamente imbatterci. Il Midwest è un insieme di campi, fattorie e granai, territori sottratti alla natura selvatica che regna sovrana scandendo il ritmo della vita, poche case e altrettante strade poco battute.
Un luogo abitato da poche persone, nella realtà gente schiva e silenziosa mentre nelle vicende narrate da Drury un coro di voci rumorose e chiassose. Tutti conoscono tutti, entriamo all’interno di vite che entrano spesso in collisione, percorsi che si incrociano un momento ma già dal successivo possono prendere direzioni completamente diverse.

Sono prontissima a ritrovare la voce fluida e scorrevole di Tom Drury, desidero farmi cullare dalle sue parole musicali, studiate e ricercate; perdermi tra batture ironiche, istanti gioiosi, attimi di commozione o di disperazione, e ritrovarmi qualche pagina più in là.
Non vedo l’ora di scoprire questa nuova avventura ed esplorare con la fantasia l’aspra Driftless Area.

 

Quelle notti e le mattine seguenti avevano una luminosità e un’urgenza che le facevano esistere al di fuori della vita di Pierre. Ogni volta che si incontravano era come se ricreassero il mondo dal nulla. Dov’era stato lui tutto quel tempo? Questa era la domanda che gli passava per la testa quando lui e Stella erano insieme. E dov’era ora?

 

Una tazzina in compagnia di Tom Drury

Tom Drury è nato in Iowa nel 1956. Con i suoi libri ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti, tra cui la fellowship della Fondazione Guggenheim e la menzione di Granta come uno dei maggiori scrittori americani viventi. Ha insegnato al Bard College di Berlino e all’Iowa Writers’ Program. NNE ha pubblicato i tre volumi della Trilogia di Grouse County (La fine dei vandalismiA caccia nei sogni Pacifico), mentre è di prossima pubblicazione The Black Brook.

 

 

Il movimento delle foglie di Tom Drury

Pierre Hunter è un giovane uomo dall’ottimismo sconfinato e dal talento per i guai. Dopo il college e la morte dei genitori, torna a vivere nell’aspra regione del Midwest denominata Driftless Area, dove lavora come barista. Un giorno d’inverno, per dimenticare le conseguenze di un Capodanno trascorso a bere e a fare trucchi di magia con le monete, Pierre esce a pattinare sul lago. In un terribile istante, il ghiaccio si rompe sotto i suoi piedi e lui precipita in acqua, e solo l’intervento provvidenziale della misteriosa e solitaria Stella Rosmarin riesce a salvarlo. Pierre si innamora di lei, e il destino, insieme a quell’amore, gli porta anche un’ingombrante refurtiva che lo metterà in estremo pericolo. Mentre gli eventi precipitano, Pierre deve fare i conti con nemici pronti a tutto e con il segreto che si cela dietro l’identità di Stella.
Tom Drury ci guida in una favola noir surreale e profonda, popolata di eroi in balìa di un destino forse già scritto ma comunque imprevedibile, a cui possono soltanto abbandonarsi come foglie mosse dal vento. 

 

 12 settembre 2019

 

 

 

.

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: Arrivò i primi di gennaio di Livin Derevel Successivo Paper Corn: Jaws: The Revenge di Joseph Sargent (1987)