BLOG TOUR: La Notte del Kaiju di Cristopher Sabir – Playlist

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Non ci facciamo mancare nulla e, nonostante la situazione difficile, oggi vi propongo una playlist meravigliosa. Si tratta dei brani che hanno ispirato e accompagnato Cristopher Sabir nella stesura de “La notte del Kaiju”.

Data di uscita: 2 Marzo

Acquistalo subito: La Notte del Kaiju

Editore: Self-Publishing
Genere: Horror/Sci-fi/Drammatico
Pagine: 102
Prezzo: € 2,99 | € 7,99

Ci è piombata addosso improvvisa, violenta.

Non eravamo pronti…

La catastrofe ci ha spazzati via.

Sono passati anni da quella notte in cui tutto è iniziato e il mondo non è più come lo conoscevamo. Non sappiamo come, non sappiamo nemmeno perché, ma abbiamo perso il posto che detenevamo in cima alla catena alimentare. Viviamo rintanati sotto terra come insetti o vagabondiamo tra le città in rovina come lupi rognosi, pronti a tutto pur di sopravvivere su quella che è diventata la loro Terra. Ho visto con i miei occhi di cosa sono capaci, quanta distruzione e morte portino ovunque vadano, ma io sono ancora qui e ho intenzione di non cedere. E molti altri come me.

Questa è la storia di come sono sopravvissuto all’inferno. Che nel momento più buio per noi, possa alimentare la speranza. L’umanità può ancora alzare la testa, non tutto è perduto. Il nostro destino è appeso a un filo sottilissimo, ma faremo di tutto, farò di tutto, per trasformare quel filo in una corda solida e resistente.

I tempi sono maturi.

La Notte del Kaiju tramonterà e una nuova Alba dell’Uomo sorgerà, questo io vi prometto.

A differenza di tanti scrittori che, senza della buona musica in sottofondo, non riescono a trovare la giusta ispirazione, necessito di silenzio assoluto per lavorare. Ciononostante, diversi brani mi hanno accompagnato durante la stesura del romanzo, ognuno dei quali ha un significato preciso che si lega alle varie tematiche su cui ruota la vicenda.

  • ”Fear of the Dark” – Iron Maiden

Questo classico del metal anni ’90 costituisce il tema principale del romanzo. La paura del buio, di ciò che è sconosciuto, spaventoso e che giunge improvviso a minacciarci. La tensione che sale e il brivido non daranno mai un attimo di tregua ai protagonisti, che dovranno imparare ad affrontare questi demoni se non vogliono soccombere.

  • ”Not gonna die” – Skillet

Legato a doppio filo con il tema della paura vi è quello della lotta per la sopravvivenza. Il testo di questa canzone dal ritmo incalzante esprime al meglio l’idea di lotta senza requie di cui ho voluto raccontare. La Notte del Kaiju, che oscurerà sia il sole che la luna, sarà lunga e piena di insidie…

  • ”Tears don’t fall” – Bullet for my Valentine

Il romanzo è intriso di una forte componente drammatica e proprio alla sofferenza è legata questa canzone. Il processo di crescita o, perché no, di involuzione che colpirà ciascun personaggio passerà attraverso uno specifico trauma che lo scuoterà nel profondo. La duplice natura del ritmo di Tears don’t fall descrive benissimo il tumulto di emozioni che ci sconvolgono l’animo quando affrontiamo questo genere di situazioni. Le parti lente, condite all’interno del testo da invocazioni disperate, simboleggiano lo stato di abbandono in cui sprofondiamo dopo che il dolore ci ha schiacciati; le parti intense, dai toni duri e martellanti, sono la manifestazione della rabbia e dell’impossibilità di accettare la disgrazia che ci ha colpiti.

  • ”Battle in Boston” – Bear McCreary

Direttamente dal film ”Godzilla II – King of the monsters”, la theme song perfetta per le fasi finali del romanzo. I toni gravi ma epici di questo brano conferiscono drammaticità alle scene d’azione e sono perfetti per tenere il lettore con il fiato sospeso. Da ascoltare a volume rigorosamente alto.

  • ”Someday” – Nickelback

Questa è la canzone che mi ha ispirato per il finale. Ascoltandola, ho pensato si adattasse alla perfezione per ciò che avevo in mente. Il tema che vi ruota attorno è quello del riscatto, della voglia di alzare la testa e reagire alle avversità. Racchiude l’insegnamento finale che ho voluto dare, la morale nascosta nel romanzo. Non importa quante sfide la vita ci ponga davanti o nemmeno quante volte non siamo all’altezza della situazione e cadiamo. L’importante è sapere che si può sempre combattere per migliorare la propria condizione. In qualche modo, il momento di crisi si può superare.

Di seguito vi lascio il link alla playlist completa, che potrete trovare su YouTube:

Non perdetevi le altre tappe!

 

 

 

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #92 Successivo La confraternita degli storici curiosi di Jodi Taylor | Recensione di Deborah