Paper Corn: Just say yes di Appie Boudellah e Aram van de Rest (2021)

 

 

Titolo originale: Just say yes
Anno:  2021
Genere: Commedia romantica
Regia: Appie Boudellah e Aram van de Rest

Lotte, una produttrice di programmi televisivi, ha sempre sognato un certo tipo di storia d’amore, l’uomo perfetto quindi, capace di realizzare una proposta di matrimonio con n flashmob, seguito poi da un matrimonio da favola. Sta frequentato Alex da più di cinque anni ed arriva il fatidico momento della proposta di matrimonio, molto meno sfavillante di quella che ha sempre immaginato, ma lei accetta. Lotte quindi inizia i preparativi del matrimonio insieme alla madre, le amiche e la sorella Estelle, ma questo periodo idilliaco non è destinato a durare. Alex infatti cambia idea e decide di lasciarla, e come se non bastasse, nello stesso momento sua sorella Estelle annuncia il suo matrimonio.

 

 

Sono molto contenta di essere riuscita a vedere un altro film, credo di essere sulla buona strada per rientrare nel mood di proseguire la mia “perenne” maratona; anche se ovviamente non tutte le ciambelle escono con il buco, infatti dopo la visione di un film che mi è piaciuto tantissimo e uno che tuto sommato si è rivelato gradevole è arrivata la delusione. Just say yes è il film più brutto nel quale sono incappata da diversi mesi a questa parte, è stato faticoso arrivare fino alla fine anche se si tratta di un film leggero e a tratti divertente, o almeno dovrebbe.

Quando ho deciso di guardare questa commedia pseudo romantica sapevo già cosa mi sarebbe aspettato, più o meno, ero alla ricerca di un film leggero, divertente e poco impegnativo da mettere come sottofondo, un film che non mi avrebbe richiesto chissà che livello di attenzione, ed effettivamente Just say yes all’apparenza soddisfava tutte queste caratteristiche. L’unica cosa non pensavo fosse un film così brutto! Sapevo che non avrei di certo visto un film da premio oscar ma quanto meno un intrattenimento piacevole questi si…e invece no!

 

 

Lotte è una produttrice di programmi televisivi, da cinque anni ha una relazione con un suo collega, Alex. Lotte è una donna che ha sempre sognato un matrimonio da favola, una proposta da favola e una relazione da favola, quando arriva il suo turno il tutto non ha niente di favoloso ma accetta e inizia a organizzare il matrimonio. All’ultimo momento Alex la pianta in asso, Lotte crolla nello sconforto e si sistema dalla sorella, Estelle, che improvvisamente a poca distanza annuncia il suo matrimonio con il capo della protagonista. Nel frattempo sul lavoro Lotte riceve una carrellata di pressioni, alcune a mio parare anche abbastanza disgustose; fortunatamente però c’è un nuovo affascinante collega!

Just say yes è un film costellato da personaggi irritanti, personalmente non mi sono piaciuti un granché perfino i protagonisti della storia d’amore principale. Lotte, all’inizio è carina, insomma a lei è andata tutta la mia solidarietà femminile fino a che il suo essere zerbino di questo tizio tremendo mi ha decisamente stufata! Insomma, ti pianta a un passo dall’altare, ti ruba lo show (orribile, ignobile e disgustoso show), ti crea altri problemi sul lavoro, scopri che ti tradiva da tempo con la migliore amica di tua sorella e non riesci a mandarlo a quel paese ma continui a fare la peracottara? Per me è un grande, grandissimo no! Just say yes è una sorta di commedia romantica che prova a tutti i costi a essere anche divertente, per me l’unico risultato ottenuto è non essere né romantica e men che meno divertente.

 

Al prossimo film!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Un lupo nella stanza di Amélie Cordonnier | Recensione di Deborah Successivo Bugiarde si diventa di Felicia Kingsley | Recensione di Deborah