The Whispering Room: Aetheris vis di Dyvina Sollena

 

Ricordati che qualsiasi momento è buono per cominciare. Apprendi dagli audaci, dai forti, da chi non accetta compromessi, da chi vivrà malgrado tutto. Alzati e guarda il sole nelle mattine e respira la luce dell’alba. Tu sei la parte della forza della tua vita. Adesso svegliati, combatti, cammina, deciditi e trionferai nella vita; Non pensare mai al destino, perché il destino è il pretesto dei falliti.
(Pablo Neruda)

 

Protagonista di questa nuova uscita della nostra rubrica The Whispering Room è Aetheris vis di Dyvina Sollena, un Fantasy/Romance/New Adult dove i protagonisti si sfideranno a colpi di magia e battute sarcastiche. Non perdetevi l’intervista con l’autrice per saperne di più!

 

Editore: Self – Publishing
Data di uscita: 7 luglio 2021
Pagine: 416
Prezzo: 13.00 € cartaceo ; 2.69 € ebook

Sullo sfondo di una spensierata New Orleans, le giornate di Skye vengono scandite dalle lezioni magiche allo Stregarum Templum, i pomeriggi trascorsi al negozio esoterico di famiglia, l’uscire con le amiche e i momenti rubati con Jake. La sua indole ribelle, libera e sfrontata viene spesso ammonita dalla Somma Sacerdotessa Dakota Rain, sua zia, massima autorità del Consiglio degli Stryx. A crearle fastidio c’è un unico elemento: il bello e desiderato Aiden, da sempre suo irritante rivale nelle arti magiche con il quale non vorrebbe avere niente a che fare ma che nella sua vita è una costante a cui non riesce a rinunciare. Nel momento in cui inizia ad avere delle strane visioni, Skye viene catapultata in un intricato mistero di cui nessuno sembra voler parlare. Chi è Alister? Perché dei suoi genitori non vi è traccia? L’Aetheris Vis esiste davvero? La crescente preoccupazione dei sacerdoti e le informazioni che Skye riuscirà a trovare sulle sue origini, daranno forma alla magia espressa in ogni gesto, fino a creare un legame indissolubile fatto di passione e competitività a cui lei non era assolutamente preparata.

 

#Bottaerisposta

 

 

  • Come è nata l’idea di Aetheris Vis?

Difficile dirlo, ho iniziato a stilare la trama di Aetheris Vis con le idee abbastanza confuse. Volevo scrivere un romanzo di magia, rituali e incantesimi. L’unica cosa chiara che avevo per la testa era il finale e un colpo di scena che riguardava il cattivo della situazione. Lentamente tutto ha preso forma, ho cancellato e riscritto parecchie parti, modificato scene e intrecci finché il risultato non mi ha soddisfatta. Volevo scrivere qualcosa di diverso dal mio solito, una storia con molti colpi di scena e risvolti inaspettati. Spero di esserci riuscita.

 

 

  • C’è un episodio che le si è delineato prima degli altri?

Sì, il finale, che per ovvi motivi non posso raccontare, ma è stata la prima scena che ho immaginato. Si può dire che la trama di Aetheris Vis l’ho costruita quasi al contrario cercando poi tutti gli snodi per arrivare all’epilogo che avevo in mente.

 

 

  • Come mai ha scelto di ambientare il suo romanzo a New Orleans?

Il romanzo racconta la storia di una gruppo di Stryx che altro non sono che una mia personale rielaborazione delle più conosciute streghe. Volevo date nozioni classiche quali le pratiche magiche e le ambientazioni, così ho cercato dei posti dove stregoneria e paganesimo sono di casa, ecco perché la mia scelta è caduta su New Orleans.

 

 

  • Ci parli dei suoi personaggi.

Di personaggi ce ne sono veramente molti e per parlare di tutti mi dilungherei troppo quindi mi soffermerò su quelli principali.

Skye, la protagonista, è un personaggio per il quale mi sono totalmente ispirata a una mia grandissima amica nella vita reale, sia nell’aspetto che nel carattere. È una ragazza determinata, agguerrita che sa esattamente dove vuole arrivare. È una persona decisa e dal carattere insolente che non si risparmia mai di sfoggiare il suo sarcasmo affilato. Il suo percorso si intreccerà con quello di Aiden, il bello della situazione, un ragazzo che conosce fin dall’infanzia ma che ha sempre e solo considerato come un avversario da sconfiggere. I due infatti sono coinvolti in una perenne competizione magica. Potenti e risoluti entrambi impegnati in una guerra per affermarsi sull’altro.

Aiden, come Skye, è forte e talentuoso con un unico obbiettivo in testa: quello di sconfiggerla. Ma dove Skye si innervosisce e risponde alle sua provocazione con parole velenose, lui prova divertimento nei confronti con lei. Aiden la provoca, la prende in giro. Ama stuzzicarla e ben presto si renderà conto che quello che lo lega a lei è qualcosa che va oltre il loro eterno conflitto.

Un altro personaggio a cui tengo molto, è l’antagonista: Alister. Lui è un personaggio contorto che ho amato e odiato in egual modo. È quello con cui più mi sono divertita maggiormente. Tenebroso, meschino e allo stesso tempo affascinante. È un tipo senza scrupoli dalla dubbia moralità ma con il quale ho provato una certa empatia mentre ne studiavo la personalità e le emozioni. Credo sia quello più riuscito dell’intera storia.

 

 

  • Può descriverci la protagonista con tre aggettivi?

Skye è tenace, impulsiva e permalosa.

 

 

  • Se dovesse associare una canzone al suo romanzo quale sceglierebbe?

C’è una canzone in particolare che per me è quella che più rappresenta Aetheris Vis. È stata quella che mi ha ispirato l’evoluzione del rapporto tra Skye e Aiden: Uncover di Zara Larsson

 

 

  • Ha incontrato qualche difficoltà nella stesura del suo romanzo?

Sì, più di una in verità.

Prima di tutto la narrazione in terza persona, una novità per me dato che ho sempre scritto i miei romanzi usando la prima. Questo mi ha creato qualche piccolo problema, ho dovuto adattare il mio stile a questo modo diverso di raccontare la storia e all’inizio non mi riusciva naturale.

Ho avuto anche un altro pesante intoppo, un blocco dello scrittore durato un mese e mezzo. Non trovavo più l’ispirazione. Sapevo esattamente cosa scrivere, avevo già progettato l’intera trama, la scaletta era completa come le linee guida di ogni singolo capitolo fino al finale. Non mi uscivano più le parole. Ho lasciato perdere senza insistere nel voler scrivere per forza e credo sia stato un bene. Poi l’ispirazione è tornata all’improvviso e in un paio di settimane ho concluso il libro.

 

 

  • Quali sono i suoi progetti per il futuro?

Per il futuro ho molti progetti in lista. Un paio di sequel di altri miei titoli che per ora sono solo delle idee che non so se prenderanno mai forma. Intanto mi sto dedicando a qualcosa di nuovo, un romanzo diverso da quello a cui sono abituata. Un genere che non ho mai trattato, non in modo esclusivo almeno, e con ambientazioni che conosco da vicino. Mi ci sto cimentando con entusiasmo per ora, spero ne varrà la pena.

 

 

#Conosciamol’autrice

Dyvina Sollena, nata a Venezia nel 1986, vive a Mestre assieme al compagno, al figlio e ai suoi tre gatti. Introversa e riservata ha scoperto la scrittura all’età di nove anni dalla quale non si è più allontanata. Ama il paranormale, i misteri, i miti e le leggende da cui trae ispirazione per raccontare le sue storie.
Opere dell’autrice:
Metamorphosis Vol. 1 (2017)
Lycantrophia Vol. 2 (2017)
Lux et Tenebre Vol. 3 (2018)
Metamorphosis Series – La trilogia completa (2019)
Sangue Nero (2020)

Aetheris Vis (2021)

 

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
#SEGNALAZIONI ,

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente Il country club di Howard Owen | Recensione di Deborah Successivo Quando il mondo era giovane di Carmen Korn | Recensione di Deborah