Tea time: con Addio, Sweet Mister di Daniel Woodrell si torna a West Table

 

NN Editore ci delizia con una nuova succulenta novità, è ora di prendere nuovamente la rotta per il Missouri e approdare a West Table con Addio, Sweet Mister, il nuovo romanzo di Daniel Woodrell è il terzo capitolo della trilogia ambientato in questa cittadina di provincia.

Non vedo l’ora di ritrovare lo stile di scrittura di Daniel Woodrell  poetico, incisivo ed immediato; la sua prosa è strutturata in brevi frasi che vanno dritte al dunque, il ritmo è serrato e incalzante. Non vedo l’ora di respirare l’aria del vecchio Missouri, di continuare a esplorare la sfavillante apparenza e la cruda realtà di una cittadina del Midwest.

Daniel Woodrell con Tomato Red ci mostra la zona degradata di West Table, dove gli ultimi, i più poveri sgomitano con la vita per tentare di sopravvivere e non essere fagocitati dalla povertà e dalla disperazione. Il romanzo è un grido di denuncia contro le ingiustizie sociali, i poveri come sempre sono sempre più poveri e non hanno modo di scampare a un destino già scritto che si tramanda funesto da padre in figlio. Sono davvero molto curiosa di scoprire dove ci porterà Addio, Sweet Mister e quali nuovi personaggi incontreremo a West Table.

Personalmente amo profondamente i romanzi che raccontano di un’America agreste, cruda e violenta, l’America reale al di là di sogni e lustrini, l’America delle province, delle campagne e del disagio sociale. La trama di Addio, Sweet Mister ha tutte le carte in regole per essere proprio uno dei romanzi che amo di più, non vedo l’ora di scoprire una nuova piccola perla della letteratura americana.

NN Editore ci anticipa che: Questo libro è per chi vive con stile anche i momenti più insignificanti, per chi vorrebbe sprigionare un urlo a lungo soffocato, per chi sa che le more più dolci sono quelle circondate da migliaia di spine, e per chi respirando la speciale energia dell’alba ha sognato a occhi aperti un futuro di insolite meraviglie. 

 

 

Una tazzina in compagnia di Daniel Woodrell

Daniel Woodrell (1953) è considerato uno dei maggiori scrittori americani viventi. I suoi libri hanno ottenuto di­versi premi e riconoscimenti, tra cui il Pen Award, l’International Imac Dublin Literary Award e il Sundance Film Festival Award per l’adattamento ci­nematografico del suo libro Un gelido inverno. Ama ambientare le sue sto­rie nei panorami dei monti Ozark, in Missouri, e lui stesso ha coniato la de­finizione di “country noir” per descri­vere la sua opera. NNE pubblicherà gli altri volumi della Serie di West Table.

 

 

Addio, Sweet Mister di Daniel Woodrell

Editore: NN Editore
Data di uscita:  21 ottobre 2021
Pagine: 192
Prezzo: 18.00 €

Shuggie è un tredicenne sovrappeso e solitario; vive ai margini di West Table con la madre Glenda e si occupa del cimitero locale. Il patrigno Red, uomo ottuso e brutale che vive di piccoli crimini con assoluta disinvoltura, gli impone di rubare medicinali nelle case di gente ricca e malata. Glenda è l’unica scintilla di bellezza nella vita di Shuggie: la donna, sensuale e appariscente, tratta il figlio come il fidanzato che avrebbe sempre voluto, lo chiama affettuosamente “Sweet Mister” e gli promette un futuro migliore. Un giorno arriva Jimmy Vin Pearce, smagliante a bordo della sua Thunderbird verde, che convince Glenda di poter davvero cambiare vita. Ma Shuggie si infiamma di un’accecante gelosia, che minaccia di inghiottire le loro vite.

Dopo La versione della cameriera e Tomato Red, Daniel Woodrell torna a WestTable, dove i bambini crescono in fretta e gli adulti cercano le tracce dell’innocenza perduta sul fondo di un bicchiere di bourbon. Addio, Sweet Mister è una storia amara e commovente, in cui con memorabile saggezza Daniel Woodrell mostra la tenace ambiguità delle passioni familiari, e le precarie linee di confine tra l’amore e la violenza.

 

21 ottobre 2021

in tutte le librerie e store online

 


 

 

May the Force be with you!
Precedente Old but gold: Anna dell'isola di Lucy Maud Montgomery Successivo Tutto il cielo che serve di Franco Faggiani | Recensione di Deborah